Milano, 6 novembre 2017 – “In Sicilia ha vinto la destra, in una competizione elettorale che si è rivelata un derby tra loro e il Movimento 5 Stelle. Sinistra e centrosinistra sono rimasti fuori dalla partita, spettatori ininfluenti. Un risultato disastroso, che deve far riflettere tutti. Suonano assurde le accuse per la sconfitta rivolte al Presidente Grasso e a Pierluigi Bersani. Anche perché il Partito Democratico con piccoli alleati perde praticamente ogni appuntamento elettorale dalle elezioni europee”, lo dichiara Alessandro Capelli, portavoce nazionale di Campo Progressista, il movimento lanciato da Giuliano Pisapia.

“D’altra parte – prosegue Capelli – la sinistra non può permettersi di rimanere spettatrice attenta solo a se stessa, proprio oggi che la crisi sta facendo più male agli strati più fragili della società. Non si può più scherzare”.

“Non vogliamo fare quelli che l’avevano detto – conclude Capelli –, però è indispensabile un centrosinistra diverso e innovativo, improntato sulla discontinuità rispetto alle politiche condotte fino a oggi dal PD e spinto dalla voglia di cambiare radicalmente questo Paese. Il 12 di Novembre, a Roma, presenteremo la nostra proposta, Diversa”.