Milano, 10 ottobre 2017 – “Mettere la fiducia alla legge elettorale sarebbe un atto grave e sinceramente ci lascia sconcertati. La legge elettorale deve essere frutto di un lavoro parlamentare ampio e condiviso, non possiamo continuare a vivere in un Paese che cambia le regole a seconda della maggioranza. Non si possono utilizzare strumenti formali per eludere un principio fondante: le regole della democrazia devono essere condivise senza accettare forzature”, lo dichiara Alessandro Capelli, portavoce nazionale di Campo Progressista.